SITE UNDER CONSTRUCTION

BIASI ALBERTO


Biography

Alberto Biasi nasce a Padova il 2 giugno 1937 da Giuseppe e Silvia Zappi Recordati. La sua è una famiglia che ha già donato all’arte una pittrice, Lavinia Fontana, nome assai noto della pittura seicentesca e un poeta, Tirsi Leucasio, iniziatore con Metastasio dell’Arcadia. Presto, negli anni della guerra, Alberto resta orfano di madre e viene accolto dalla nonna paterna a Carrara San Giorgio, un paesino della campagna padovana dove la nonna gestiva un’osteria. Cresce a contatto della gente di paese, in un’atmosfera di famiglia allargata, fino agli anni della scuola superiore, quando ritorna a Padova per frequentare il Liceo Classico, poi si sposta a Venezia per seguire l’istituto d’Architettura e il Corso Superiore di Disegno Industriale, dove vince una borsa di studio istituita da Paolo Venini. Sono anni di conoscenza e passioni artistiche, si avvicina e approfondisce momenti fondamentali dell’arte del Novecento: il movimento Neoplastico, il Futurismo, il Dadaismo entrano e si radicano nel percorso di formazione del giovane Biasi.
Nel 1958 intraprende l’insegnamento di disegno e storia dell’arte nella scuola pubblica e nel ’69 gli viene assegnata la cattedra di arti della grafica pubblicitaria (che manterrà ininterrottamente fino al 1988). Intanto l’attività di artista prende corpo: nel ’59 riceve dalle mani di Virgilio Guidi il primo premio alla IV Biennale Giovanile d’Arte di Cittadella. È il primo riconoscimento pubblico di un artista che stava, seppur giovanissimo, filtrando fermenti, ideali politici, inquietudini artistiche: nasce il Gruppo Enne, padovano, con cui lavorerà (ma Biasi è l’anima e il motore trainante dello storico gruppo artistico) fino al suo scioglimento definitivo nel ’67. I contatti di Biasi si estendono ben presto a livello nazionale e internazionale: espone nel ‘60 con Manzoni e Castellani e gli artisti europei della ‘Nuova concezione artistica’. Lo spirito innovativo di quegli anni lo vede protagonista: nel ’61 aderisce al movimento “Nuove tendenze”, nel ’62, come Gruppo N, con Bruno Munari, Enzo Mari e il Gruppo T partecipa alla fondazione del movimento dell’Arte Programmata.
Biasi in questi primi anni articola la propria arte secondo nuovi canoni di ricerca: l’interazione dello spettatore con l’opera diventa un fondamento ineludibile, il movimento, nella sua accezione passiva di moto virtuale, effetto apparente di movimento, conduce l’artista ad affrontare le problematiche del cinetismo e le conseguenti ricerche sulla percezione visiva e la reazione individuale allo stimolo luminoso. Segnano l’attività di questo periodo le “Trame”, primo studio sull’interferenza del movimento dello sguardo e della luce naturale su una superficie statica e stratificata, d’ispirazione naturale, frutto dell’osservazione di elementi complessi e primitivi quali le arnie. Accanto alle Trame realizza ben presto i “Rilievi ottico-dinamici”: sovrapposizioni di strutture lamellari giocate sull’effetto di cromatismi contrastanti e attivati dal movimento dello spettatore che diventa con ciò “attore”, corresponsabile dell’evento visivo. Cominciano ad apparire allora le “Forme dinamiche” ottenute attraverso la torsione di materiali approntati in lamine sottili e disposti secondo geometrie rigorosamente calcolate applicate su fondi cromatici diversi, le “Fotoriflessioni” in movimento reale e gli “Ambienti” a percezione instabile, atmosfere cangianti di luci e liquidi in movimento. Da citare sicuramente, appartenenti a quest'ultima sezione di creazioni il “Grande Tuffo nell’arcobaleno”, “Eco”, e il trittico “Io sono, tu sei, egli è, quindi siamo”.
Nel frattempo il Gruppo N si è dissolto e, abbandonata la tonalità corale, abbracciata per aderire a un forte impegno politico e ideologico (al tempo della attività del gruppo N, Biasi si definiva operatore artistico, significando con ciò un portato di implicazione sociale), l’attività artistica di Biasi prosegue in “a solo” sviluppando quei temi che resteranno una ‘felice ossessione’ fino ad oggi. Il suo impegno civile, tuttavia, resterà presente negli anni, con partecipazione e condivisione alla vita cittadina, fino a confluire nell'incarico di Presidente dell'Ente provinciale del Turismo di Padova tra la fine degli anni Settanta e i primi degli Ottanta quando darà sviluppo a progetti culturali e artistici riguardanti Padova, la sua storia culturale e il suo territorio paesaggistico.
Intanto la sua arte trova nuove fasi di studio e sperimentazione. Approfondendo la ricerca sull’impatto luminoso di luce naturale, Biasi elabora nuove soluzioni con i “Politipi”, dalla sicura fascinazione ipnotica realizzata mediante torsioni, sovrapposizioni di piani, intrecci di lamine e listelli, interagendo così, nel perseguimento del movimento armonico, con la profondità, terza dimensione più allusa che realmente interpellata. I Politipi degli anni Settanta, evolvono nel decennio successivo acquisendo intenzioni figurali: gli effetti percettivi diventano sempre più complessi, attratti da un’evidenza figurale che racchiude in sé altri sprofondamenti tridimensionali, inganni o reali della luce intercettata negli strati di materia sovrapposta. Il gioco tra spettatore-attore e opera diventa sempre più articolato e libero, la forma si arricchisce di immagini facilmente riconoscibili delle quali l’occhio è confidentemente certo; in esse, circoscritti da esse, si aprono però nuovi ‘tranelli’ ottici manipolati dalla luce che varia con lo spostamento del punto di visuale: si conferma e attesta l’assoluta variabile della percezione nello spettatore, che interrogato e provocato nella grande antologica al Museo degli Eremitani di Padova nel 1988 risponde con una entusiastica affluenza (42.000 visitatori).
Negli anni Novanta i Politipi si arricchiscono di un elemento fino ad ora parzialmente trascurato da Alberto Biasi, la pittura, sotto forma di inserimenti di colore, tracce, ombre, allusioni che sostengono in contrappunto la struttura articolata delle superfici stratificate; nascono così gli “Assemblaggi” spesso sviluppati in dittici e trittici che sviluppano, negli anni più recenti, fino all’oggi, una severità coloristica sempre più rigorosa e coerente, tendente alla monocromia. L'estremo rigore del monocromo esalta, nell'accostamento e sovrapposizioni di superfici, assemblate tra loro, il punto di 'rottura', di crisi nella lettura lineare, là dove i piani di colore convergono in una sorgente tridimensionale, alludente ad uno spazio generatore di energia. Ed è da questo spazio che l'indagine di Biasi muove nella nuova, eppure sottesa in tutta la sua produzione, attenzione verso la scultura. Acciaio corten, alluminio, metacrilato sono i media della sfida di Biasi allo spazio tridimensionale, affrontato nelle misure ampie di opere anche da esterno: totem, lastre a sviluppo verticale, così come spirali interrotte, eliche di fitti tuboli metallici diventano trasposizioni, reinvenzioni, esiti della 'felice ossessione', della costante ricerca di Biasi nel campo della percezione visiva.
Dopo la partecipazione nelle dodici esposizioni del Gruppo N, Biasi ha esposto più di cento esposizioni personali e partecipato ad innumerevoli collettive, fra cui la XXXII e la XLII Biennale di Venezia, la X, XI e XIV Quadriennale di Roma, la XI Biennale di San Paulo e le più note Biennali internazionali della grafica, ottenendo numerosi e importanti riconoscimenti, in particolare quello ottenuto con il multiplo “Io sono” al World Print Competition ’73 del California College of Arts and Crafts in collaborazione con il San Francisco Museum of Art. Grandi successi hanno riscosso nel 2006 l’esposizione di trenta sue opere storiche nelle sale dell’Hermitage di San Pietroburgo e nel 2009 la sua antologica “Kaleidoscope: dalle trame agli assemblaggi” al Museo del Palazzo Reale di Genova. Sue opere si trovano al Modern Art Museum di New York, alla Galleria Nazionale di Roma, all’ Hermitage di San Pietroburgo, nei Musei di Belgrado, Bolzano, Bratislava, Buenos Aires, Ciudad Bolivar, Epinal, Gallarate, Guayaquil, Livorno, Lodz, Ljubljana, Middletown, Padova, Praga, San Francisco, Saint Louis, Tokio, Torino, Ulm, Venezia, Waldenbuch, Wroclaw, Zagabria, al Ministero degli Affari Esteri di Roma ed in numerose collezioni italiane e straniere.

  A cura di Isabella Panfido


MOSTRE
Mostre personali

1961
Padova, Studio Enne

1970
Pesaro, Galleria il Segnapassi
Padova, Galleria Adelphi
Padova, Galleria La Chiocciola

1971
Verona, Galleria Ferrari
New York, Tizian Gallery
Zagabria, Galerija Suvremene Umjetnosti
Abano Terme, Galleria Images 70

1972
Lodz, Muzeum Sztuki
Brescia, Galleria Sincron
Padova Galleria La Chiocciola
Milano, Galleria Vinciana

1973
Lodi, Galleria Il Gelso
Mantova, Galleria ST
Venezia, Galleria Numero
Roma, Galleria Fiamma Vigo
Padova, Galleria La Chiocciola
Livorno, Galleria Peccolo

1974
Genova, Galleria Arte Verso
Venezia, Galleria Il Cavallino
Kreuzlingen, Galleria Latzer
1975
Parma, Galleria A

1976
Mantova, Galleria Il Chiodo
Como, Galleria RS
Ferrara, Padiglione d'Arte Contemporanea, Antologica

1977
Ascoli Piceno, Galleria Barradue - Arte
Contemporanea, Poesie per gli occhi

1978
Genova, Centro del Portello, Strutture cinetiche e progetti

1979
Padova, Galleria La Chiocciola
Mestre Venezia, Galleria Verifica 8+1
Kansas City, Art Research Center

1980
Venezia, Fondazione Bevilacqua-La Masa, Camminare senza seguire orme

1981
Marostica, Castello di Marostica, Evo-Medio-Art
Vicenza, Basilica Palladiana, Nel luogo del Palladio

1982
Epinal, Museo Dipartimentale dei Vosgi, Convergences Cinétiques
Cesena, Galleria Comunale d'Arte, Palazzo del Ridotto

1983
Belluno, Palazzo Crepadona, Linguaggio e comportamenti della ragione
Racconigi, Studio Racconigi, Biasi, politipi e disegni

1984
Cesena, Palazzo del Ridotto, Arte Concreta
Brescia, Centro Culturale Sincron
Udine, Creart, Visualità provocata
Chiavari, Galleria Cristina Busi
Padova, Galleria Adelphi, I minimi

1986
Padova, Galleria La Chiocciola, Alberto Biasi, il ciclo dei politipi

1987
Rovigo, Accademia dei Concordi, Pinacoteca
Lecco, Galleria Ariete

1988
Padova, Museo Civico agli Eremitani, Antologica

1991
Milano, Arte Struktura, Alberto Biasi: opere dal 1970 al 1990
Chiavari, Galleria Cristina Busi, Opere su carta di Alberto Biasi
1992
Padova, Galleria Contemporanea, I politipi di Alberto Biasi
Brescia, Galleria Lo Spazio
Lecco, Galleria Melesi, Biasi & Biasi
Marostica, Castello Inferiore, nsieme

1994
S.Giovanni Lupatoto, Verona, Agorà, Incontro con le opere di A. Biasi
Vasto, XXVII Premio Vasto, Omaggio ad Alberto Biasi

1995
Stra, Villa Pisani, nell'ambito di Memorie e Attese / 1895-1995 XLVI Biennale Internazionale di Venezia: Biasi e il Gruppo N

1996
Abano Terme, Galleria Civica al Montirone, Biasi & Biasi
Casale Monferrato, Galleria Rino Costa, Incontro con le opere di Alberto Biasi

1997
Padova, Oratorio di San Rocco, Alberto Biasi, I colori dell'anima
Padova, Arte Padova 97, E pur si muove
Bassano del Grappa, Chiesetta dell'Angelo, A. Biasi, Forme Inquiete
Lecco, Galleria Melesi

1998
Riva del Garda, Galleria Civica, Alberto Biasi, i colori dell'anima
Parma, Galleria del Teatro, Accordi di luce
Matera, San Biagio Galleria d'arte contemporanea
Brescia, P4 Arte, Alberto Biasi: acquarelli come fiori

1999
Oderzo, Ca' Lozzio Incontri
Padova, Galleria Vasquez, Alberto Biasi: acquerelli e altro
Vicenza, Valmore studio d'arte, Biasi dal '60 al 2000: Arte Cinetica e oltre

2000
Pietrasanta, Cardelli & Fontana Arte Contemporanea, Cerca un altro titolo
Padova, Fioretto Arte Contemporanea, Alberto Biasi. Ricognizioni e oltre
Padova, Loggiato Palazzo della Ragione, Soffio di colore
Udine, Galleria Palladio

2001
Bologna, Arte Fiera, Galleria Rino Costa
Casale Monferrato, Galleria Rino Costa, Alberto Biasi, Opere 1962-2000
Padova, Loggiato Palazzo della Ragione e Piazza delle Erbe, Trasposizione

2002
Sarzana, Galleria Cardelli e Fontana, Palazzo Civico
Boldeniga, Castello di Boldeniga, Alberto Biasi, luce viva
2003
Bologna, Arte Fiera, Galleria Rino Costa
Roma, Musei di San Salvatore in Lauro, Alberto Biasi, La concezione dinamica. Percorsi recenti
Montecarlo, Maretti Arte Monaco, Alberto Biasi -Julio Le Parc, La nouvelle révolution française et italienne des artistes latins

2004
Sacile Pordenone, Palazzo Regazzoni-Frangini-Biglia, Alberto Biasi - Julio Le Parc
Arezzo, Museo Civico d'Arte Moderna e Contemporanea, Alberto Biasi - Julio Le Parc
Mestre Venezia, Fidesarte, Alberto Biasi
Urbino, Palazzo Ducale, Biasi Alberto Biasi
Milano, poli Art, Galleria d'Arte, Alberto Biasi

2005
Verona, Galleria d'Arte Serego, Biasi & il gruppo enne
Berlino, Ambasciata d'Italia, Istituto di Cultura, Biasi - Licata, Una generazione fra utopia e sogno
Parma, Arte Fiera, Galleria Fidesarte, Alberto Biasi, dal Gruppo N ai nuovi cronocinetismi virtuali
Bruxelles, Parlamento Europeo, Biasi-Licata, Una generazione fra utopia e sogno
Erice,Fondazione Ettore Majorana-Wigner Institute, San Francesco, Alberto BIASI - opere 1959-2005
Mantova, Casa del Mantegna, L'arte dell'instabilità
Brescia, Galleria PaciArte, Oltre l'instabilità

2006
Caserta, Studio d'arte Gr sud, Alberto Biasi, fra percezione e immaginazione
Pordenone, Galleria d'arte Tarozzi, Alberto Biasi, Non solo minimi..
San Pietroburgo. Museo Hermitage, Alberto Biasi: testimonianze del cinetismo e dell'arte programmata in Italia e in Russia
Padova, Galleria Rossovermiglio, Dal costruttivismo all'arte programmata
Milano, poli Art, Galleria d'arte, Alberto Biasi
Palermo, Loggiato San Bartolomeo, Alberto Biasi, Cinetismo e arte programmata, La mostra dell'Ermitage di San Pietroburgo
Palazzolo sull'Oglio, Studio F 22 Modern Art Gallery, Alberto Biasi immagini dagli occhi
Ancona, Galleria Van Sent, Alberto Biasi

2007
Barcelona, Museu Diocesà, Alberto Biasi, la imaginaciò: el moviment, l'espai
Perugia, Galleria Nazionale dell'Umbria, Palazzo dei Priori, Alberto Biasi, l'immaginazione: il movimento, lo spazio
Stra, Venezia, Museo Nazionale di Villa Pisani, alberto biasi ! settanta!
Como, Galleria Milly Pozzi Arte Contemporanea, ALBERTO BIASI la concezione dinamica

2008
Milano, DepArt, RILIEVI OTTICO-DINAMICI
Praga, Narodni Galerie, Movement as a message - Alberto Biasi Between History and Topicality
Legnago, Libreria Ferrarin, Alberto Biasi, la forma programmata
Padova, Fioretto Arte, Alberto Biasi scultore
Brescia, Osservatorio d'Opera, Alberto Biasi, opere dalla collezione Prestini
Mel (Belluno), Palazzo delle Contesse, Alberto Biasi e l'occhio a nord est

2009
Bologna, Arte Fiera, Gruppo Euromobil hall 15-03, installazione "2009 il quadrato rotola", dove l'opera di Alberto Biasi dialoga con il mondo del design
Milano, MiART Galleria PoliArt, Alberto Biasi, one man show

Esposizioni con Gruppo N

1960
Padova, Studio Enne, Nessuno è invitato a intervenire

1961
Padova, Studio Enne, Mostra del pane
Ancona, Premio Marche, Invio di pitture nere
Padova, Biennale Triveneta, Grande pittura nera
Amsterdam, Stedeljik Museum, Bewogen-Beweging

1963
Ulm, Studio F

1964
Venezia, XXXII Biennale internazionale d'arte, sala gruppo enne

1965
Padova, Galleria La Chiocciola
Genova, Galleria La Polena, Enne '65

1967
Lodz, Muzeum Sztuki, Grupa N
Wroclaw, Muzeum Slaskiego, Grupa N

1979
Innsbruck, Galerie Anna Saule

1996
Bolzano, Museion; Padova, Palazzo del Monte; Repubblica di S. Marino, Galleria d'arte moderna e contemporanea, Enne & Zero, modus etc

2009
Vicenza, Galleria Valmore, Gruppo N_ricerca, invenzione, progetto
Roma, La Quadriennale, Villa Carpegna, Il Gruppo N_ Oltre la pittura, oltre la scultura, l'arte programmata

Esposizioni collettive

1959 Cittadella, IV Triveneta giovanile d'arte (1° premio B/N).

1960
Milano, Galleria Azimuth. Padova, Circolo del Pozzetto, La nuova concezione artistica, Ancona, Premio Marche, Roma, GalleriaTrastevere, Sculture tascabili, componibili, trasportabili, istantanee. 1961 Zagabria, Galerjia Suvremene Umjetnosti, Nove Tendencije 1. Lissone, XII Premio Lissone. 1962 Anversa, Hessenhuis g 58, Antipeinture. Milano, Olivetti, Arte programmata I. La mostra prosegue a Venezia, Roma, Trieste. 1963 Milano, Galleria Cadario; Torino, Galleria La Bussola, Oltre la Pittura, oltre la Scultura. Dusseldorf, Goppinger Galerie, Arte programmata I. San Marino, IV Biennale internazionale d'arte, Oltre l'informale (1° premio). Zagabria, Galerija Suvreme Umjetnosti, Nove Tendencije 2. Venezia, Fondazione Querini Stampalia, Nuove Tendenze 2. 1964 Londra, Royal College of arts, Arte progammata. Parigi, Musée des arts décoratifs du Louvre, Nouvelle Tendence. New York, Loeb student center; State University Tellahassee; Arte programmata 2. Venezia, XXXII Biennale internazionale d'arte. Avezzano, Palazzo Torlonia, XV Premio Avezzano, Strutture di visione. Firenze, Galleria Proposte; Palermo, Galleria Il Chiodo; Genova, Galleria La Polena; Torino, Galleria Il Punto, Proposte strutturali plastiche e sonore. 1965 Berna, Kunsthhalle Bern, Licht und Bewegung. Verona, Galleria Ferrari, La critica e la giovane pittura italiana. Berna, Galerie Aktuel, Aktuell 65. Columbia, Museum of Modern Art; Ithaca, White Museum of Art; Alientown Art Museum, Arte progammata 2. New York, Museum of Modern Art; St. Louis, City Art Museum; Seattle, Art Museum; Pasadena, Art Museum; Baltimora, Museum of Art, The responsive eye. Roma, Galleria l'Obelisco, Perpetuum mobile. Trieste, Palazzo Costanzi, Arte cinetica. Zagabria, Galerija Suvremene Umjetnosti, Nova tendencija 3. Torino, Politecnico, Forme Programmate. Cannes, Casino Municipal, L'art actuel en Italie. Torino, Galleria Il Punto. 1966 Roma, Galleria nazionale d'Arte Moderna, Aspetti dell'arte italiana. Dortmund, Moderne Kunst aus Italien. Napoli, Galleria Il Centro; Stoccolma, Istituto Italiano di Cultura, Tendenze confrontate. Berna, Kunsthalle, Weiss auf Weiss. Genova, Galleria La Polena, Panorama uno. Buenos Aires, Museo de Arte Moderna, Aspetti dell'arte italiana. Oslo, Kunsterne hus, Modern intaliensk Kunst. Bergens kunst forening. Johannesburg, Art centre; Cape Town, South African national gallery, Art of the space age kuus van die ruitme-cen. Eindhoven, Stedelik van abbemuseum, Kunst-licht-Kunst. Bordeaux, Sigma II. Mestre, IX premio di pittura (1° premio). 1967 Milano, Il Cenobio, La nuova tendenza. Lexington Kentucky, University of Kentucky Art Gallery, Graphies 67. Modena, Galleria della Cultura Moderna; Reggio Emilia, Sala Comunale, Nuova tendenza italiana. Modigliana, IX premio nazionale di pittura "Silvestro Lega". Roma, Galleria l'Obelisco, La luce. Tokyo, National Museum of Modern Art, Contemporary italian art. Foligno, Palazzo Trinci, Lo spazio dell'immagine. Montreal, Expo 67 - Padiglione italiano. Francavilla a mare, XXI premio Michetti (1° premio). San Marino, VI Biennale internazionale d'arte, Nuove tecniche d'immagine. Parigi, V Biennale internazionale dei giovani. Firenze; Bologna; Lecce; Livorno; Torino, Ipotesi linguistiche intersoggetive. Mestre, X premio di pittura Mestre. 1968 Vysociny, Oblastni galerie, Konkrtistu. Praga, Galerie Václav Špála, Klub Konkretistu. (cervenec 1968) Jihlave, Domu kultury; Vystavni, Domu Kultury, Usti n. 1. Grenoble, Maison de la Culture, Cinetisme, spectacle, environment. Warszawa, Zacheta, Wspolczesna sztuka wloska. Palermo, Centro di ricerche estetiche, Nuova presenza I. Brescia, Galleria Sincron, Confronto 68. Bochum; Berlin; Koln, Italienische kunst des XX jahrhunderst. Stoccolma, Malmo Museum e Liljevalchs, Nutida italiensk konst. Bratislava, Biennale internazionale dei giovani, Danuvius 68. Acireale, 2° premio internazionale. Roma, Galleria nazionale d'Arte Moderna, Cento opere d'arte italiana dal futurismo ad oggi. Alassio, Arte visiva internazionale. Roma, Gavina, Via Condotti, "2001". Spoleto, XIII premio Spoleto. 1969 Macerata, Artestudio, Ideatori plastici. Zagabria, Galerija Suvremene Umjetnosti, Tendencije4. Oslo, Kunstnernes Hus; Arhus C. Danmark, Ars Studeo, Visuelt miljo. Ljubljana, Moderna Galerija, VIII esposizione internazionale della grafica. Johannesburg, New Goodman gallery, Plastic research. 1970 Cracovia, III Biennale internazionale della grafica. Grenchen, Triennale internazionale di stampe grafiche a colori. Napoli, Premio Posillipo-Mauro Leone (1° premio). Francavilla a Mare, Premio nazionale Michetti. London, Hayward Gallery, Kinetics. Bradford, Bradford City Art Gallery and Museum, II Biennale della Grafica. Modena, I Biennale nazionale Arte e Critica. Roma, Palazzo delle Esposizioni, La vitalità del negativo. Belgrado, Muzeja Suvremene Umjetnosti, Inostrana grafika iz zbirke. Milano, Barozzi-Ricci, La percezione pura. Milano, Galleria Vismara. Lodz, Muzeum Stzuki, Grafika, Rysunek, Collage. Verona, Galleria Ferrari, Continuità. 1971 Berlino, III Fruhjahrsmesse. Verona, Studio La Città; Venezia, Galleria del Cavallino, Sguardo a nord-est. Bolzano, IV Biennale di Bolzano. Ljubljana, IX Esposition internationale de Gravure. Montréal, Musée des beaux-arts, Salon de la gravure. San Paulo, XI Biennale di San Paulo. Roma, Qui Arte Contemporanea, Omaggio a Balla. Lodz, Muzeum Stzuki, Swiatlo geometrii. S.Martino di Lupari, Rassegna Triveneta d'Arte Contemporanea. 1972 Cracovia, IV Biennale internazionale della grafica. Frenchen, Internationale Grafik-Biennale. Bradford, Bradford City Art Gallery and Museum, III Biennale della grafica. Fredrikstads, I Biennale internazionale della Grafica. Toronto, Art Gallery of Ontario. Saint Vincent, Palazzo delle Terme, Arte e Società, Proposte di intervento attivo. Venezia, Galleria del Cavallino, Faites votre jeu. Faenza, Palazzo delle Esposizioni, IV Biennale d'Arte Grafica Italiana Contemporanea. 1973 Roma, X Quadriennale d'arte nazionale, Situazione dell'arte figurativa e la ricerca estetica dal '60 al '70. Kansas City, Art Research Center. Gallarate, IX premio di pittura Città di Gallarate. Teheran, Istituto Italiano di Cultura. Roma, Galleria Il Segno; Napoli, Galleria Carolina Portici; Torino, Galleria Christian Stein, Processo fattivo. Ljubljana, Moderna Galerija, X biennale de gravure. Basilea, IV Mostra internazionale d'arte. S.Martino di Lupari, Biennale Triveneta d'Arte Contemporanea. Dusseldorf, IKI 3 Internationaler Markt fur aktuelle Kunst 1973. San Francisco, Museum of Modern Art, World print competition 73, la mostra prosegue nelle città di: Washington, Corcoran Gallery; Fairbanks, University of Alaska; Tokyo, Takashimaya; San Mateo, San Mateo County Arts Counsil; Huntington Beach, Huntington Beach Cultural center; Caldwell, College of Idaho Art Center; Omaha, University of Nebraska; San Luis Obispo, Cuesta College; Carson City, Nevada State Museum. Bergamo, Galleria 2B, Omaggio a P. Scheggi. 1974 Livorno, Galleria Civica d'Arte Contemporanea, Proposte per un museo. Milano, XXVIII Biennale nazionale d'Arte Città di Milano. Ferrara, Galleria Civica d'Arte Moderna, Palazzo Diamanti, Omaggio all'Ariosto. 1975 Venezia, Galleria Bevilacqua-La Masa, Aspetti della ricerca artistica nel Veneto, anni 1960-70. Imperia, Pinacoteca Civica, I Biennale d'Arte. Acireale, Palazzo Comunale, IX Rassegna Internazionale d'Arte, Strutture visuali - Esemplificazioni e ricerche. Oakland, World print competition. Parma, Galleria d'Arti visive, Proposte '75. 1976 Gallarate, Civica Galleria d'Arte Moderna, X premio nazionale di pittura Città di Gallarate. 1977 Torino, Galleria Civica d'Arte Moderna, 1960-1977 Arte in Italia. Dublino, Hugh Lane Municipal Gallery of Modern Art, Rosc '77. 1978 Bologna, Galleria d'Arte Moderna, L'altro occhio di Polifemo. 1979 Innsbruck, Galerie Anna Saule. S.Martino di Lupari, V Biennale d'Arte Contemporanea. 1980 Venezia, Galleria Bevilacqua-La Masa, Camminare senza seguire orme. Udine, Centro Arti Plastiche, Opera aperta. Paris, Salon d'Automne 1980. Genova, Palazzo Reale-Teatro Falcone, Ricerche estetiche concrete. Tokyo, Cento anni d'arte italiana moderna 1880-1980. 1981 Belluno, Galleria Il Borgo. Padova, Galleria La Chiocciola. Bassano del Grappa, Galleria Il Fiore, Arte concreta. Tunisi, Musée d'art vivant. Vienna, Kunstlerhaus, Die Geometrie und ihre Zeichen. Paris, Grand Palais des Champs-Elysées, Grands et jeunes d'aujourd'hui. 1982 Ferrara, Padiglione d'Arte Contemporanea, Parco Massari, Proposta: opere su carta di artisti italiani. Brescia, Gruppo Sincron, Artexpo. Milano, Galleria Arte-Struktura. Londra, Hayward Gallery, Arte italiana 1960-1982. Aosta, Tour Fromage, Costruttività Padova, Galleria La Chiocciola. 1983 Milano, Palazzo Reale, Arte programmata e cinetica 1953-63. Milano, Vismara Arte, Aniconicità 50-60. Cesena, Galleria Comunale d'Arte, Palazzo del Ridotto. Termoli, Galleria Civica, XXVIII premio Castello Svevo. San Marino, Palazzo dei Congressi e delle Esposizioni. Udine, Centro arti plastiche - Comune di Udine, Opera aperta. 1984 Brescia, Centro Culturale Sincron, Aspetti dell'arte programmata 1963-1984. Brescia, Centro Culturale Sincron, Omaggio agli Etruschi. Washington, Hirshhorn Museum and Sculpture Garden. Milwaukee-Wisconsin, Milwaukee Art Museum. 1985 Louisville, J.B. Speed Art Museum. Folgaria, International Art, I Nuovi Classici. Marostica, III Biennale d'Arte Contemporanea , La Visione esatta. Roma, Palazzo Venezia, Artisti oggi tra Scienza e Tecnologia. Padova, Galleria d'Arte Fioretto. Brescia, Centro Culturale Sincron, Misure di qualità. 1986 Venezia, XLII Biennale di Venezia, Arte e Scienza: Colore. Roma, XI Quadriennale d'Arte. Milano, Galleria Vismara, Arte Contemporanea. 1987 Sumy-Kiev, Arte Contemporanea in Italia. 1990 San Martino di Lupari, IX Biennale d'Arte Contemporanea, Arte e Spazio. Brescia, Sincron, Europa '90. 1991 Bolzano, Museo d'Arte Moderna, Ultra Lux, metafore della luce. Milano, Arte Struktura, arte madi. Saint Paul de Vence, Galleria Alexandre de la Salle, arte madi. 1992 Parigi, La Villette, Frequences Lumineuses. Essen, Galleria Neher, Zero-Eine Europaische avantgarde. Spoleto, Studio Bocchi, Le memorie del bianco. Munchen, Galerie Heseler, Zero-Eine Europaische avantgarde. Koblenz, Mitterrhein Museum, Zero-Eine Europaische avantgarde. 1993 Brescia, Galleria Lo Spazio. Casale Monferrato, Galleria Rino Costa. Lecco, Galleria Melesi, Bianco e Nero. Bologna, Palazzo Re Enzo, Cybernauti. Bolzano, Museo d'Arte Moderna, Sound. Cabrerets, Chateau de St Cirq Lapopie, Madé. Teolo, Museo d'Arte Contemporanea Dino Formaggio. Milano, Showroom Baleri-Italia, Trent'anni dopo. L'avanguardia gestaltica degli anni sessanta. 1994 Paris, Pad. 1/L 107, Galleria Rino Costa, Decouvertes,. Avellino, Galleria civica, Mad. 1995 Chiavari, Palazzo Rocca ed ex Chiesa di S.Francesco, La natura e la visione: arte nel Tigullio 1950-1985. Dubrovnik, Museo, Mediteranski suszeti. Venezia, Palazzo Ducale, Venezia e la Biennale. I percorsi del gusto. Zagabria, Galerie Suvremene Umjetnosti, Construktivizam i Kineticka umjetnost. 1996 Paris, Gallerie Denis René, Lumiere et mouvement, Espace Marais. Padova, Galleria Civica, Artisti a Padova negli anni cinquanta. Bergamo, Galleria Fumagalli, Arte Programmata. Roma, galleria Nazionale d'arte moderna, Opere cinevisuali. Bolzano, Museion; Padova, Palazzo del Monte; Repubblica di San Marino, Galleria d'Arte moderna e contemporanea, Enne e Zero, motus etc. 1997 Padova, Palazzo del Monte, Da Cavaglieri a Carrà. Ozzano Monferrato, Galleria Borromini, Il segno, i segni. Padova, Oratorio di S. Rocco, Interpretazioni dantesche. Hall, Kunsthalle Tirol, Salzlager Hall, "Light". Francavilla al Mare, Gli archetipi immaginari nell'arte contemporanea. Klagenfurt, Karntner Landesgalerie, "Raum zeichen licht". 1998 Revere, Palazzo Ducale, Nuova visuali internazionale. 1999 Torreglia, Centro Polivalente, La fantasia non ha limiti, Mail-art. Bolzano, Museo d'Arte Moderna, Positionen, Museiondocumenta 1999. Krems-Stein, Kunsthalle, Zeit / Los, Zur Kunstgeschichte der Zeit. Orzinuovi (BS), Comune, Ad ognuno la sua, 19 giugno 1999. Padova,Palazzo della Regione, Dipinti dell'Ottocento e del Novecento dei Musei Civici di Padova, 1999/2000. Bolzano,Galleria Civica, Fiera di Bolzano, MIR, Arte Nello Spazio. Treviso, Palazzo dei Trecento, Nuove iniziazioni riti di passaggio. 2000 Roma, Sala del Bramante, Piazza del Popolo, Nuove iniziazioni riti di passaggio. Galliate, Castello Visconteo Sforzesco, Arte Programmata 62. Melbourne University, Victorian college of Arts; Hobart, Tasmanian School of Arts, University of Tasmania; Perth, Western Australia, Curtin University, School of Art, School of Art Gallery; Brisbane, Queensland, Griffith University, Queensland College of the Arts, Art Gallery, Libertà tra arte e trasgressione. Langhirano (Parma), Castello di Torrechiara, Ad ognuno la sua. Bolzano, Museo Civico, Percorsi di luce. Lecco, Galleria Melesi, Rosso di sera. Pavia, Santa Maria Gualtieri, Mac 2000 . Parma, Galleria Niccoli, arte programmata e cinetica in Italia 1958-1968. Padova, Studio Marijke Valanzasca, Lumengioia. 2001 Udine, Galleria d'arte Palladio, Kontemporanea. Treviso, Villa Letizia, Libertà tra arte e trasgressione. Lisbona, Palacio Galveias, Nuove iniziazioni riti di passaggio. Udine, Galleria d'Arte Palladio, Attraverso il Rosso. Vicenza, Chiesa dei SS.Ambrogio e Bellino, Mail Art: "L'Utopia". Firenze, Museo degli Argenti, Palazzo Pitti, L'Arte del Gioiello e il Gioiello d'artista dal '900 ad oggi. Roma,Museo Naz.le d'Arte Orientale, Accordi di luce: Oriente d'Occidente. Gent, Museum voor Schoene Kunsten, Shoes or no Shoes' Ulm, Museum, 1958/1968, Luce, movimento & programmazione Kinetische Kunst aus italien 1958-1968. Lecco, Galleria Melesi, Plasticmania. Mannheim, Stadtische Kunsthalle Mannheim, Luce, movimento & programmazione, Kinetische Kunst aus Italien 1958-1968. Milano, arte struktura, gli anni '60. Bergamo, Studio 2B International, L'arte programmata e le sue implicanze. 2002 Udine, Galleria d'arte Palladio, Biancobiancobianco. Gelsenkirchen, Stadtisches Museum, Luce, movimento & programmazione, Kinetische kunst aus italien 1958-1968 . Kiel, Stadtgalerie, Luce, movimento e programmazione, Kinetische kunst aus italien 1958-68; Cervia, Magazzini del Sale; Lecco, Galleria Melesi, Ricomincio da te. Klagenfurt, Alpen Adria Galerie, Luce, movimento & programmazione, Kinetische kunst aus italien 1958-1968; Roma, Musei di San Salvatore in Lauro, .....altre testimonianze del cinetismo in Francia e in Italia. 2003 Spoleto, Galleria Civica d'Arte Moderna, ...altre testimonianze del cinetismo in Francia e in Italia. Padova, Fioretto Arte, Le forme della luce, opere dagli anni '60 ad oggi. Mantova, Casa del Mantegna, Il mito della velocità L'Arte del movimento, Omaggio a Tazio Nuvolari. Padova, Palazzo della Ragione, La Grande Svolta - Anni 60. Seregno (Milano), Galleria Arte Silva, nerobianco. Trissino (Vicenza),Ex Municipio, L'Occhio in gioco. Firenze, Archivio di Stato, Fiamma Vigo e Numero, Una vita per l'arte. Graz, Kunsthaus Graz Am Landesmuseum Joanneum, Einbildung - das Wahrnehmen in der Kunst-Immagination - Perception in Art. Padova, Fioretto Arte, Il rosso & il nero 2004 Castello di Camino (Al), Mosaici di Riso, Pieve di Cento (Bo), MAGI 900, Luce, vero sole dell'arte, Siena, Palazzo delle Papesse, Zero. 1958-1968 tra Germania e Italia, Padova, Galleria Fioretto, Bernardini, Biasi, Boniolo. Genova, Complesso Monumentale di Sant'Ignazio, Archivio di Stato, Dipingendo l'Europa. Pesaro, Zucca Arte Design, Centro Duchamp 1969 - 1973. 2005 Lecco, Galleria Melesi, Figure Piane. Roma, Galleria Naz.le d'Arte Moderna, XIV Quadriennale di Roma, Fuori Tema, Italian Feeling. Strasbourg, Musée d'Art Moderne et Contemporain, Oeil-moteur. Francavilla Mare, 56° Premio Michetti, Fondazione Michetti, In & out. Opera e ambiente nella dimensione glocal. Rovereto , MART, Un secolo di Arte Italiana. Lo sguardo del collezionista, opere dalla Fondazione VAF. Cavalese, Centro Arte Contemporanea, A colpo d'occhio-optical art. Karlsruhe, ZKM, Lichtkunst. 2006 Sarzana, Cardelli & Fontana, L'immaginazione del movimento. Padova, Fioretto Arte, il segno e la materia. Chieti, Museo d'Arte Costantino Barbella, I premi Michetti nelle collezioni del Museo Barbella. Chieti, Museo Archeologico Nazionale d'Abruzzo, Astrattismo Italiano, La fiamma di Cristallo da Giacomo Balla a Lucio Fontana 1910-1970. Ingolstadt, Museum for Konkrete Kunst, Die Neuen Tendenzen. Karlsruhe, ZKM, Museum of Contemporary Art, Faster!, Bigger!, Better!. Waldenbuch, Museum Ritter, Bewegung in Quadrat. Das Quadrat in Malerei, Kinetischer Kunst un Animation. 2007 Frankfurt am Main, Schirn Kunsthalle Frankfurt, Op Art. Udine, Museo Torviscosa, cinetica. Ivrea (TO), Officine H, Il cinetismo sub-cisalpino. Arte programmata ieri e oggi. Duren, leopold-hoesch-museum, Die neuen tendenzen. Cervia, Antichi Magazzini del Sale, ON L'OPERA NUDA. Dentro e oltre le apparenze. 2008 Karlsruhe, ZKM, Media Museum, bit international. Chiari (Bs), Villa Mazzotti, Galleria Colossi Arte Contemporanea, CHIARImenti-luce arte industria Arteinsegna 3. Karlsruhe, ZKM, Offese Malerei. Graz, Neue Galerie am Landesmuseum Joanneum, Viaggio in Italia, Italianische Kunst 1960 bis 1990. Rapallo (Ge), Museo Attilio e Cleofe Gaffoglio, La scultura italiana nel Gioiello della seconda met� del Novecento.
BIBLIOGRAFIA

Le opere citate sono così suddivise:
a) scritti di Alberto Biasi
b) saggi critici e cataloghi di mostre
c) opere di carattere generale utili per un'analisi critica dell'opera di Alberto Biasi.

a) scritti di Alberto Biasi

1959
Da uno scritto del novembre 1959, ora in I. Mussa, Il Gruppo Enne, Roma, Bulzoni, 1976, pag. 28.

1961
A. Biasi, Dichiarazione di Poetica, in biglietto d'invito della mostra alla Galleria Enne, Padova, 1961.

1964
Alberto Biasi, Da una dichiarazione per il catalogo della Biennale di Venezia 1964, ora in I. Mussa, Il gruppo Enne, cit. pag. 317.
1964
Alberto Biasi, In seguito agli scritti Enne, ora in I. Mussa, cit. pag. 317.

1968
A.Biasi, Situazione 1967, in "Bit 3" n. 3, Izdavac-Publischer, Zagabria, 1968, pp. 31-33.

1968
A. Biasi, Ideologia della controrivoluzione, il significato d'arte borghese, in "Arte oggi", maggio-ottobre 1968, pag. 3.
1971
A. Biasi of gruppo Enne, in "Art Research center" n.7, 1971.

1971
A. Biasi, Estratto dagli appunti autobiografici, in depliant della mostra alla galleria Editalia, Omaggio a Balla, Roma, 1971.

1972
A. Biasi, Autopresentazione, in "Arte e società", Roma, Presenza, agosto 1972.

1975
A. Biasi, Autopresentazione, in depliant della mostra alla Galleria A, Parma, 1975.

1976
A. Biasi, Saggio introduttivo, in catalogo della mostra al Padiglione d'arte Contemporanea, Ferrara, 1976.

1983
A proposito del progetto di Lea Vergine riguardante... in "Arte Triveneta", febbraio 1983.

1984
A. Biasi Saggio introduttivo, in catalogo della mostra alla Galleria Cristina Busi, Chiavari, 1984.

1986
A. Biasi Appunti auobiografici, in depliant della mostra alla Galleria La Chiocciola, Padova, 1986.
1987
A. Biasi, Appunto autobiografico, in catalogo della mostra all'Accademia dei Concordi, Rovigo, 1987.

1991
A. Biasi, Alcuni appunti autobiografici, in catalogo della mostra alla Galleria arte struktura, Milano, 1991.

1995
A. Biasi, A proposito d'arte e del mio esordio, in "Artistica", per la personale alla Galleria Lanaro Arredamenti, Vicenza 1995.

1998
A. Biasi, Autobiografico, Acquarelli come fiori, in catalogo della mostra alla Galleria 4P Arte, Brescia, 1998.

2000
A. Biasi, Cerca un altro titolo, in catalogo della mostra alla Galleria Cardelli & Fontana, Pietrasanta 2000.
A. Biasi, Io sono, collana I vagabondi, edizione Jaca Book, Milano 2000.

2002
A. Biasi, Promemoria, in catalogo della mostra al Palazzo Civico di Sarzana, edito dalla Galleria Cardelli & Fontana, 2002.
A. Biasi, luce viva, in catalogo della mostra al Castello di Boldeniga, 2002.

2003
A. Biasi, Qual'è la vera storia del gruppo N, in catalogo della mostra, Alberto Biasi, La concezione dinamica. Percorsi recenti, ai Musei di San Salvatore in Lauro, Roma, nov. 2003.

2008
A. Biasi, Dall'oggetto all'environment alla città cinetica, intervista a cura di Ilaria Bignotti, su Pubblico Paesaggio.... documenti del Festival dell'architettura 4, 2008, Parma.
A. Biasi, Guardando attraverso gli occhi della lepre, pag. 28-29 in Contemporart n. 57, dicembre 2008.
B - Saggi critici e cataloghi di mostra

AA. VV: Enne & Zero, catalogo Museion, Bozen 1996; P. Albertoni
I gruppi, in "D'ars Agency", Milano, n. 4,1964;
L. Alfieri: Movimento artistico, in La Gazzetta di Parma, 30 novembre 2003;
U. Apollonio, G.C. Argan, R. Assunto, E. Battisti, E. Crispolti, G. Dorfles, E. Garroni, C. Maltese, A. Marcolli, F. Menna, L. Pignotti, P. Draffo: Le problematiche artistiche di gruppo, in "Arte oggi", n. 17, Roma, luglio-sett., 1963;
U. Apollonio: Del fattore cinetico nell'arte contemporanea, in "La Biennale di Venezia", n. 42, Venezia, 1961;
Ipotesi su nuove modalità creative, in "Quadrum" n. 14, Bruxelles, 1963;
Strutturazione dinamica della percezione visiva, in "Civiltà delle Macchine", n. 4, Roma, luglio-agosto, 1964;
La continua Sperimentazione, in "Marcatré", nn. 4-5, Genova, Marzo-aprile 1964;
L'arte Programmata, in "Sipra Uno", maggio-giugno, 1966;
Sistema matematico e ordine naturale, in "Linea-struttura", n. 1, Napoli, 1966;
New Trends in Italian Art, in "Artlook", Johannesburg, novembre 1969;
Alberto Biasi, in catalogo della mostra alla galleria Vinciana, Milano, 1971;
Arte cinetica, in, "Iterarte", n. 4, aprile I975;
U. Apollonio, G.C. Argan: Grupa N, in catalogo della mostra al Muzeum Sztuki, Lodz, I967;
V. Apuleio: La crisi dei gruppi europei nel '60, in "Il Messaggero", 5 agosto 1977;
G.C. Argan, C. Maltese, E. Mari, M. Massironi, P. Portoghesi, L. Ricci, B. Vedova, B. Zevi: La ricerca estetica di gruppo, in "Marcatré", nn. 4-5, Genova, marzo-aprile 1964;
G.C. Argan: Situazioni e problemi dell'arte programmata, in "Casabella", n. 297, 1965;
Alberto Biasi, in L'Arte contemporanea in Italia, Roma, Edizioni Presenza, 1971, pp. 613-614;
5 opere grafiche commentate da G.C. Argan, in cartella edita dalla Galleria Segnapassi, Pesaro, 1973; Gelidi si, non cinici, in "L'Espresso", 19 ottobre,1981;
Prima dell'op prima del pop, in "L'Espresso", 11 dicembre 1983;
G.C. Argan, S. Ceccato, A. De Flora, G. Di Genova: I cento occhi di Argo -Arte e Scienza, in catalogo della mostra alla galleria La Salerniana, Erice, luglio-settembre, 1984;
D. Banzato, G. Dal Canton, M. Universo, F. Menna, G. Segato: in catalogo della mostra "Antologica di Alberto Biasi", Museo Civico agli Eremitani, Padova, 1988;
D. Banzato: Alberto Biasi, in Padova e il suo territorio, rivista bimestrale, fascicolo 15, settembre-ottobre 1988;
G. Barbero: L'arte di tutti, in catalogo della mostra, Il cinetismo sub-cisalpino, Arte programmata Ieri e oggi, Officine H, Ivrea (To), settembre-novembre 2007;
L'amletico Io sono di Biasi, in catalogo della mostra, alberto biasi settanta, Museo nazionale Villa Pisani Stra (Ve) 2007;
L.M. Barbero, M. Meneguzzo, E. Forin: L'Occhio in Gioco, opere tra percezione e optical, in catalogo della mostra a Trissino (Vi), sett.2003;
R. Barletta: Concretismo e cinetica al Museo Civico agli Eremitani. Un'arte da percepire: Alberto Biasi a Padova, in Il Corriere della Sera, 28 agosto 1988;
P. Barozzi: Che cos'è op art' in "Il Gazzettino di Venezia", Venezia, 31 marzo 1965;
C. Belloli: Nuove direzioni della cinevisualità plastica totale, in "Metro", n. 7, Milano, 1962;
Arte cinetica internazionale, in "Rassegna", Milano, dicembre 1983;
M. Bense: La teoria dei segni come fondamento della nuova estetica, in "Il Verri", n. 22, Milano, ottobre 1966;
M. Beraldo: Alberto Biasi: un occhio mobile come fonte di sensazioni, in Contemporart, n. 52 Settembre 2007;
G. Beringheli: L'importanza degli artisti-operatori del Gruppo N di Padova, in "Il lavoro",Genova, 11 giugno 1965;
Lo spazio e le immagini, in "Il lavoro", Genova, 14 marzo 1978;
Condizioni dell'individuo e la struttura degli oggetti. Forme e colori, in "Il lavoro", Genova, 23 aprile 1968:
R. Bianchi: La Rassegna di Saint-Vincent e la crisi della paracultura: la scienza dell'arte e il gioco dei potenti, in "Arte e società", settembre-ottobre, 1972, pp. 23-46;
P. Bonaiuto: Sulle opere di Nuova Tendenza, in "Atti del Convegno nazionale F.A.S (Filosofia Arti Scienza), Ferrara-Bologna, 12-13 luglio, 1964;
Lineamento d'indagine fenomenologica sperimentale in rapporto con problemi ed esperienze della progettazione visuale, in "Il Verri", n.22, Milano, ottobre 1966;
P. Bonaiuto, M. Massironi: Ricerche sull'espressività. Qualità funzionali, internazionali e relazione di casualità in assenza di "Movimento reale", in "Rassegna di psicologia Generale e Clinica", vol. VIII, Palermo, 1966;
M. Bonollo: Biasi Arte Cinetica e Oltre dal '60 al 2000, in catalogo della mostra studio d'arte Valmore, Vicenza 1999;
L. Borgese: Pochi veri artisti alla Biennale, in "Il Corriere della Sera", Milano, 20 giugno 1964;
L. Bortolatto: Tra il Gruppo N, Alberto Biasi e il Castello d'Amore, in catalogo della mostra, "Memorie e Attese, 1895-1995", XLVI Biennale Int.le d'Arte di Venezia, Villa Pisani di Stra, ed. Arcari, 1995;
F. Camon: L'Università, l'Editoria, Il gruppo N,, in "Il Giorno", 28 luglio 1981;
P. Campiglio: La luce di Alberto Biasi, rivista Titolo n.39, autunno 2002;
L. Caramel: Quelli delle macchinette vent'anni dopo, in "Il Giornale", 11 novembre 1983;
uno slancio costante verso la creazione di una nuova realtà in catalogo Alberto Biasi, testimonianze del cinetismo e dell'arte programmata in Italia e Russia, Museo Hermitage, San Pietroburgo.
F. Casagrande: A. Biasi, forme inquiete, in depliant Chiesetta dell'Angelo, Bassano del Grappa,1997;
P.G. Castagnoli: Muoviti, sei bella! in "La Repubblica", 10 novembre 1983;
G. Cecchini, G. Cortenova, G. Segato: Linguaggio e comportamento della ragione, in catalogo della mostra a Palazzo Crepadona, Belluno, maggio 1983;
Leonardo Conti: L'alchimista e il cavaliere delle intensità, in catalogo della mostra Alberto Biasi e Julio Le Parc, Galleria Maretti Arte, Monaco-Montecarlo, 2003;
Improvvisazione fantastica per Alberto Biasi, in catalogo della mostra Alberto Biasi a Palazzo Regazzoni-Flangini-Biglia di Sacile (Pn), aprile 2004; Alberto Biasi e l'innesco del Pensiero, in catalogo della mostra a S.Francesco di Erice;
V. Conti: Quel provocatore di Alberto Biasi, in "Il Buongiorno", Genova, 4 agosto 1984;
Tiziana Conti: Alberto Biasi e il Gruppo N, in "Titolo" n.15, 1994;
V. Corbi: Arte gestaltica, in "Lineastruttura", n. 1, Napoli,1966;
M. Corradini: Arte in città, in Bresciaoggi, 19 novembre I998;
G. Cortenova: dal Naufragio.....e Ritorno, l'arte negli anni delle ideologie, Giampaolo Prearo Editore, febbraio 2002;
J. Nigro Covre, G. Dal Canton, E. Gusella, V. Biasi: in catalogo Alberto Biasi Ricognizioni e oltre, Fioretto Arte Contemporanea, Padova 2000;
E. Crispolti: Neoconcretismo. Arte programmata, Lavoro di Gruppo, in "Il Verri", n.12, Milano 1963;
G. Dal Canton: Enne e Zero, Motus etc. in "Op cit" n. 97, 1996, pp. 48-49-50-51;
Schede su Gruppo N e Alberto Biasi, in catalogo Dipinti dell'Ottocento e del Novecento dei Musei Civici di Padova, Il Poligrafo, Padova 1999;
G. Dell'Acqua: Biasi, in depliant S. Biagio galleria d'arte contemporanea, Matera 1998;
G. De Marchis: Le novità che piaccioni ai critici, in "l'Espresso-colore", Roma, 13 dicembre 1970;
F. De Santi: Il tracciato geometrico di Alberto Biasi, in "l'Umanità", 20 luglio 1983;
Prospettive multiple di Alberto Biasi, in "Brescia oggi", 17 giugno 1984;
All'ombra di Husserl, in "Brescia oggi", 6 ottobre 1987;
Voglia di geometria, in "Brescia oggi", 27 settembre 1988;
F. De Santi, G. Cermel DeLaFeld: omaggio ad Alberto Biasi, in catalogo XXVII Premio Vasto, 1994;
F. De Santi: Biasi, colore, geometrie, entità di luce, in "Teléma" n.1, ed. Fondazione U.Bordoni, 1995;
Alberto Biasi, o l'enigma dell'artista cinetico, in catalogo Biasi Alberto Biasi, Palazzo Ducale, Urbino, 2004;
L'occhio ragionante e utopico di Alberto Biasi, pag. 26-27, in Contemporart n. 57, dicembre 2008;
D. Diena: Arte op-cinetica tra ieri e oggi. A colloquio con Alberto Biasi, in "l'Eco", Padova, 9 febbraio 1979;
Un Biasi nuovo si presenta a Chiavari, in "Il lavoro", 9 agosto 1984;
E. Di Martino: A tavola con l'autore, una litografia di Alberto Biasi, dall'Amelia, Mestre 1999;
G. Dorfles: Preambolo dell'arte programmata, in "Il Verri", n. 22, Milano, ottobre 1966;
La situazione delle Arti visuali, in"Sipra 1", n. 3, maggio-giugno 1966;
A. Dragone: Poesia dell'universo tecnologico, in "La Stampa", 29 novembre 1983;
U. Eco: La forma del disordine, in "Almanacco Letterario Bompiani 1962", Milano 1962;
E. Fezzi: Mostre a Milano, in "Le Arti", 12 dicembre 1972, p. 61;
Arte programmatica e cinetica 1953-1963. L'arte come ricerca o la ricerca dell'arte. Progetto e Utopia, in "Le Arti news", novembre-dicembre, 1983;
P. Fiori: La IV Biennale di Bolzano, in "Le Arti", giugno 1971, p. 43;
E. Forin, Forma, colore, strutture lamellari, in catalogo della mostra ai Musei di San Salvatore in Lauro, Roma, 2003; e alla Galleria Maretti Arte di Monaco, 2003;
D. Formaggio: Una metaprogettualità delle apparenze nelle opere di Alberto Biasi, in catalogo Agorà, Verona, 1994;
Lydia Fulton: The name op art was coined in an article in Time magazine in 1964, which described the movement as an attack on the eye....., in Wonderland Magazine, London dec/Jan 2007/2008, pp. 142-147;
G. Gatt: In quale direzione un discorso di superamento' in "La Fiera Letteraria", Roma 9 dicembre 1962;
Oltre l'informale, in "La Fiera Letteraria", Roma 7 aprile 1963;
Ricerca gestaltica e Realismo d'oggetto", in "Pensiero ed Arte", nn. 8-9, Bari, 1963;
La polemica Gestalt, in "La Fiera Letteraria", Roma, 22 settembre 1963;
Nuova tendenza, in "La Fiera Letteraria", Roma, 26 gennaio 1964;
Contemporaries in Italy, in "Pictures on Exhibt", New Sort, marzo 1966;
A. Gibota (a cura di): Carte blanche a Denise René, Aventure géometrique et cinétique, in catalogo della mostra all'Art Center, Paris, maggio-luglio, 1984;
G. Granzotto: Alberto Biasi: Natura, fenomenologia, cinetismo ed oltre, in catalogo della mostra Alberto Biasi, La concezione dinamica. Percorsi recenti, Musei di San Salvatore in Lauro, Roma, nov. 2003; e in catalogo della mostra alla Galleria Maretti Arte, Monaco, 2003; in catalogo della mostra al Museo Civico d'Arte Moderna e Contemporanea di Arezzo, feb. 2004;
Biasi - Licata, Una generazione fra utopia e Sogno, in catalogo della mostra all'Ambasciata d'Italia a Berlino e al Parlamento Europeo di Bruxelles, aprile e luglio 2005;
Alberto Biasi...progettando la fantasia, in catalogo Alberto Biasi testimonianze del cinetismo e dell'arte programmata in Italia e in Russia, the State Hermitage Museum San Pietroburgo, 2006;
e in catalogo Alberto Biasi l'immaginazione: il movimento, lo spazio, Museo Diocesano, Barcellona, 2007;
L'Opera Nuda, in catalogo ON L'opera Nuda, Antichi Magazzini del Sale, Cervia, 2007;
Alberto Biasi,in catalogo alberto biasi settanta, Museo nazionale Villa Pisani Stra (Ve) 2007;
Alberto Biasi, in catalogo Movement as a message, National Gallery in Prague, 2008;
F. Guerrini: Metodo e organizzazione dei gruppi, in "Arte oggi", n. 18, Roma ottobre dicembre 1963;
E. Gusella: Alberto Biasi, i colori dell'anima, in catalogo della mostra Oratorio di San Rocco, Padova, 1977;
G. Habasque: Au de là de l'informel, in "L'Oeil", Parigi, novembre 1959;
G. Habasque: Le group de recherche d'art visuel, in "L'oeil", Parigi, novembre 1963;
A. Hapkemeyer: Light, in catalogo Salzlager Hall, Kunsthalle Tirol, Hall 1997;
M. Hopper-Ritter e M. Stather (a cura di): Square, catalogo Museum Ritter, 2006;
G. Imperatori: Alberto Biasi: il mio Veneto, in "Veneto ieri, oggi,domani, marzo 1993;
A.M. Janin: Luce, tempo e spazio per geometrie controcorrente, in l'Unione Sarda del 13 ottobre 1988;
R. Joss: Esperienze optical nel luogo di Palladio, in "Il Gazzettino", 18 ottobre 1981;
G. Maltese: Artisti oggi tra scienza e tecnologia,in "L'Umanità", 11 aprile 1985;
L. Manda: Occhio alla scienza, in "Il Gazzettino di Venezia", Venezia 4 marzo I964;
D. Marangon: Alberto Biasi: verso la percezione dell'assoluto, in catalogo della mostra ai Musei di San Salvatore in Lauro, Roma, 2003; e in catalogo della mostra alla Galleria Maretti Arte, Monaco, 2003; in catalogo della Mostra al Museo Civico d'Arte Moderna e Contemporanea di Arezzo, feb. 2004; in catalogo della mostra a Palazzo Regazzoni-Flangini-Biglia, Sacile, aprile 2004;
G. Marchiori: Flash su Alberto Biasi, in "La Gazzetta delle Arti", novembre 1977;
M.S. Margozzi: in catalogo mostra "Opere Cinevisuali", Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma, 1996;
G. Matthiae: La poetica di gruppo, in "La Fiera Letteraria", Roma, 8 marzo 1964;
S. Maugeri: Costruttivismo e optical nel luogo del Palladio, in "Il giornale di Vicenza", 11 novembre 1981;
L. Meloni: Il pittore cinetico e la scultura, in catalogo Alberto Biasi scultore, Fioretto Arte Contemporanea, Padova, 2008;
L. Meloni: Il Gruppo N. Oltre la pittura, oltre la scultura, l'arte programmata, Milano, Silvana Editore, 2009.
M. Meneguzzo: Il fornaio gestaltico, ovvero i pericoli della mutevolezza, catalogo Alberto Biasi, Luce Viva, Castello di Boldeniga, 2002;
Alberto Biasi, un eretico tra gli ortodossi, in catalogo della mostra alla Casa del Mantegna, Mantova, 2005;
Dal cinetico al programmato: una storia italiana, in catalogo Arte pogrammata e cinetica in italia 1958-1968, Galleria d'arte Niccoli, Parma 2000-2001; Museo d'arte di Nuoro, 2001; Ulmer Museun, 2001; Stadtische kunsthalle Mannheim, 2002; Stadtisches Museum Gelsenkirchen, 2002; Stadtgalerie Kiel, 2002; Staatliches Museum Schwerin, 2002; Alpen-Adria Galerie, Klagenfurt 2003;
F. Menna: Simbolo e memoria nell'arte d'oggi", in "Il Verri" n.12, Milano, 1963;
Attualità e utopia dell'arte programmata, in "Film-selezione", nn. 15-16, gennaio-Marzo 1963;
Arte programmata, in "Panorama", Roma, aprile 1963;
Una generazione, in "Il Verri", n. 20, Milano, luglio 1966;
Perpetuum mobile, in "Il Verri", n. 20, Milano, luglio 1966;
Situazioni delle esperienze cinetiche e visuali in Italia, in "Il Verri", n. 22, Milano, Ottobre 1966;
Arte cinetica e visuale, in "L'Arte moderna", Correnti contemporanee, vol.XIII, Milano, Fabbri Ed., 1967, pp. 201-240;
Costruttività, in catalogo della mostra alla Tour Fromage, Aosta, novembre 1982;
Creatività collettiva, in "L'Unità", 5 ottobre 1977;
M. Mestrovic: Demitizzazione dell'arte, in "Arte oggi", n. 18, Roma, ottobre-dicembre 1963;
S. Michel: L'adiration des lumiéres, in "Le Monde", 7 gennaio I984;
N. Micieli: Alberto Biasi Opere 1962-2000, in catalogo Galleria Rino Costa 2001;
G. Montana: La polemica "Gestalt", in "La Fiera Letteraria", Roma, 13 ottobre 1963;
M. Morales: Alberto Biasi, in depliant Ca' Lozzio Incontri, Oderzo, 1999;
B. Munari, A.Leoni, G.Bartoli Bonaiuto: Alberto Biasi, in catalogo della mostra al padiglione d'Arte contemporanea, Ferrara, ottobre-dicembre, 1976;
F. Mura: Forma e colore in movimento, in Nuova Sardegna, 28 dicembre 2003;
I. Mussa: Il carattere delle strutture visive, in "Il Poliedro", nn. 8-9, Roma, settembre 1965;
I. Mussa: Il gruppo enne, Bulzoni editore, Roma 1976;
F. Nahe: Replex an A. Biasi, in "Bit 3", Zagabria 1968;
M. Onorato: Alberto Biasi e l'arte come progetto, Tendenza perenne - Anni sessanta da incorniciare, in "La Nuova Vicenza", ottobre 1991;
S. Orlandini: Gruppo Enne 65, in catalogo della mostra alla Galleria La polena, Genova 1965;
A. Pasqualin, S. Cattani, G. Segato: I nuovi classici, in Catalogo della mostra alla Struttura Polivalente, Folgaria, gennaio I985;
Peter Pakesch: Perzeptive kunst - kunstlerische perzeption, in catalogo della mostra Einbildung al Kunsthaus di Graz, ottobre 2003;
M. Penelope: Tra costruttivismo e optical. Rivisitazione di un'area di ricerca artistica che conosce rare presentazioni in pubblico, in "l'Umanità", 31 ottobre 1981;
F. Pezzato: Vogliamo renderci liberi dalla schiavitù, in "Il Gazzettino di Venezia", Venenzia, 31 marzo 1965;
F. Poli: Giochi di retina e utopia delle forme, in "Il Manifesto", 3 novembre 1983;
G. Politi: La funzione della critica:il XII Convegno di Verrucchio, in "La fiera Letteraria", Roma, 20 ottobre 1963;
E. Pontiggia: Il segno, I segni, in depliant della mostra alla Galleria Borromini Arte Contemporanea, Ozzano Monferrato, 1997;
F. Popper: Art, Mouvement et lumiéres, in "Le Courrier", Parigi, settembre 1963;
C.A. Quintavalle: Nel luogo di Palladio: aperto tra costruttivismo e optical, in "Panorama", 28 ottobre 1981;
Lasciatemi divertire, in"Panorama", 16 ottobre 1988;
G.W. Richey: The morphology of movement, in "The Art Journal", XXII/4, New York;
G.W. Richey: The new tendency (Nouvelle Tendence-Recherche Continuelle) in "The Arte Journal", XXIII/4, New York, 1964;
La morfologia del movimento: uno studio sull'arte cinetica, in "Il Verri", n. 22, Milano, Ottobre 1966;
P. Rizzi: Dagli estrosi esperimenti dell'arte d'oggi alla pittura di un grande del Seicento, in "Illustrazione", febbraio 1967;
Plagi legalizzati.L'arte visuale e l'industria, in "Il Gazzettino", Venezia, 6 dicembre 1967;
I politipi di Biasi tra scienza e fantasia, in "Il Gazzettino", 8 aprile 1986;
Pittura viva, in "Il Gazzettino", Venezia, 9 luglio 1986;
Alberto Biasi, un maestro di magie geometriche, in Il Gazzettino, 1988;
Marika Rossi: Le invenzioni di Alberto Biasi, Il Gionale di Vicenza, 16 dicembre 1999;
G. Ruggeri: La ricerca di Biasi, in "Il Resto del Carlino", 30 dicembre 1976;
A. Rohsmann: A. Biasi/der sturzflug in den regenbogen, in catalogo alla mostra "Raum, Zeichen, Licht" alla Karntner Landesgalerie, Klagenfurt, 1997;
S. Salvagnini: L'antologica di Biasi a Padova. Dal Mondo dada all'era dei politipi, in Il Mattino, Padova, 5 ottobre 1988;
Il trucco e l'anima, in depliant "Biasi & Biasi", Galleria Civica al Montirone, Abano Terme, 1996;
"Incontro con le opere di Alberto Biasi", in catalogo Galleria Rino Costa, Casale Monferrato, 1996-1997;
Il linguaggio di fare-rifare, in Il Mattino, Padova, 7 giugno 2000;
F. Sardella: Conversazione con Alberto Biasi, in catalogo Alberto Biasi scultore, Fioretto Arte Contemporanea, Padova 2008;
M. Schwarz , H. Weitemeier: in Licht und Raum, Wienand Verlag, Koln 1998;
G. Segato; Camminare senza seguire orme, in catalogo della mostra alla Fondazione Bevilacqua La Masa, Venezia, luglio-agosto 1976;
Evo-Medio-Art, in catalogo della mostra "Artisti internazionali contemporanei", Marostica, aprile-maggio 1981;
Alberto Biasi, in "Arte Triveneta", febbraio 1983;
Il gruppo Enne figlio del dadaismo, in "Il Mattino", 3 novembre 1983;
La visualità provocata, in catalogo della mostra al Centro internazionale Arti Visive CREART, Udine, 1984;
La visione esatta, in catalogo della III Biennale d'arte contemporanea, Città di Marostica, marzo-aprile 1985;
I movimenti armonici di Alberto Biasi, in "Corriere Veneto", Padova 30 settembre 1987;
Jiri Setlik: Padova- V Pohybu, in "Plamen", gennaio 1966;
C. Tisdall: Alberto Biasi, in catalogo della mostra alla Galleria Latzer, Kreuzlingen, gennaio 1975;
Performance Art in Italy, in "Studio International", gennaio 1976;
Performance art in Italy, in catalogo della mostra allo Studio International, gennaio-febbraio 1976;
S. Tomei: L'ultima avanguardia è messa in solaio dall'illusionismo della "op-art" - a New York l'arte si fa e si disfa con rapidità incredibile, in "Gazzetta del popolo", Torino, 21 febbraio 1965;
T. Toniato: Strutture visuali: esemplificazioni e ricerche, in catalogo della mostra al Palazzo Municipale, Acireale, settembre-ottobre 1975;
M. Torrente: Tra scienza e tecnologia una convergente varietà di temi, in "L'Umanità", 4 maggio 1985;
L. Vergine: Les Groups "Gestaltiques", in "Opus international", n. 16, Parigi, marzo 1970;
M. Venturi Ferriolo: Alberto Biasi, Il Rinascimento del Fenomeno, in l'Unità, pag. 23, del 3 settembre 2004;
L. Vinca Masini: Arte programmata-op art, in "Domus", n. 422, Milano, gennaio 1965.
A. Zanchetta: An eye for optical theory, in catalogo della mostra Alberto Biasi rilievi ottico-dinamici, DepArt, Milano, 2008;
A. C. Zevi: Alberto Biasi: la meta-progettualità delle apparenze, in L'a - L'architettura, cronache e storia, n. 553, nov. 2001, pp. 674-675, Spaziarte-artspaces.

C- Opere di carattere generale utili per un'analisi critica dell'opera di Alberto Biasi.

Autori vari: L'Arte del XX secolo, 1946-1968. La nascita dell'Arte contemporanea, Skira, Ginevra-Milano, settembre 2007;
U. Apollonio: Occasioni del tempo, Studio Forma, Torino, 1969;
R. Arnheim: Art and visual perception: a Psycology of the Creature Eye, University of California, 1954, tr.it., Arte e percezione visiva, Milano, Feltrinelli, 1962;
U. Ceppellini (a cura di): voce Alberto Biasi, in Enciclopedia Le Muse, Novara, Istituto geografico De Agostini, vol.XIII,1975;
G. Ballo: La linea dell'arte italiana dal simbolismo alle opere moltiplicate, Roma, Librarte, vol. II, 1964; C. Barret: An introduction to optical Art, New York, Caia ed. 1971;
Op art, London, Studio Vista,1970;
G. Brett: Kinetic art, N.Y. London, 1968;
W. Benjamin: Das Kunstwert in Zeitalter seiner technischen Reproduzierbarkert, Francoforte, 1955, tr.it. , L'opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica, Totino, Einaudi 1966;
R.G. Carraher: Optical illusion and the visual arts, London, Saqueline B. Thurston N.Y. ,1966;
T. Casula: Fra vedere e non vedere, Torino, Einaudi, 1981;
G. Celant: L'inferno dell'arte italiana-Materiali 1946-1964, ed. Costa & Nolan, 1990;
G. Cortenova: dal Naufragio...e Ritorno, l'arte negli anni delle ideologie, editore Giampaolo Prearo, 2002;
M. Dalai-Emiliani: Ricerche viasuali dopo il '45, Milano, Unicopli-Cuem,1978;
G. Dal Canton: voci Cinetica, Arte, Op Art, Programmata, Arte, in Appendice della III ed. del Grande Dizionario Enciclopedico, UTET, Torino 1985;
G. Dal Canton: voce Cinetica, Arte, in Grande Dizionario Enciclopedico, UTET, vol.V,Torino 1986 (IV ed.);
G. Dal Canton: voce Concretismo, in Grande Dizionario Enciclopedico, UTET, vol.V, Torino 1986 (IV ed.);
G. De Marchis: L'arte italiana dopo la seconda guerra mondiale, in AA.VV, Storia dell'Arte italiana, a cura di F. Zeri, Torino, Einaudi, vol.VII, 1981;
G. Di Genova: Storia dell'arte italiana del '900. Generazione anni trenta, Ed. Bora, Bologna, 2000; G. Dorfles: Ultime tendenze nell'arte oggi, Milano, Feltrinelli, 1962;
U. Eco: Opera aperta, Forma e indeterminazione nelle poetiche contemporanee, Milano, Bompiani, 1962;
U. Eco: Arte programmata, introduzione al catalogo della mostra Arte programmata, Milano, 1962; M. Fagiolo Dell'Arco: Rapporto 60-Le arti oggi in Italia, Roma, Librarte, 1966;
E. L. Francalanci: Arte del Novecento, Novara, Istituto geografico De Agostini, 1987;
Quell'arte cinetica che fu l'avanguardia del virtuale, in l'Unità, pag. 25, 2 giugno 2005;
E.H. Gombrich: Arte e Illusione, Torino, Einaudi,1965;
Emmanuel Guigon, Arnauld Pierre: L'oeil moteur - Art optique et cinétique - 1950-1975, in catalogo della mostra al Museo di Strasbourg, 13 maggio 2005;
P. Guillame: La Psycologie de la forme, Paris,E.Flammarion,1937,tr.it. G.Paoli, La Psicologia della forma, Firenze, Editrice Universitaria,1963;
A. Hoffman: Methodik der Form und bilgestaltung, Tenfen, 1965;
G. Kepes: Language of vision, Chicago, 1964, tr.it., Il linguaggio della visione, Bari, Dedalo, 1971; W. Kohler: La psicologia della Gestalt, Milano, Feltrinelli, 1961;
V. Kultermann: Neue Formen des Bildes, Tubingen, Ernst Wasmuth, 1969, tr.it., Nuove dimensioni della pittura,Milano,Feltrinelli,1969;
A. Marcolli: Teoria del campo, Firenze, Sansoni, 1971;
M. Meneguzzo: Arte programmata e cinetica in Italia 1958-1968, catalogo Galleria Niccoli, Parma, Ed. Aurora, Verona, 2000;
M. Meneguzzo: Luce, movimento & programmazione, Kinetische Kunst aus italien 1958-68, catalogo mostre Ulm, Mannheim, Gelsenkirchen, Kiel, Schwerin, Klagenfurt, Ed. Silvana, Cinisello Balsamo, 2001;
M. Meneguzzo: Il Novecento, Arte contemporanea, Mondadori Electa, Milano 2005.
I. Mussa: Il Gruppo Enne, La situazione dei gruppi in Europa negli anni '60, Rome, Bulzoni, 1976;
R. Parola: Optical Art, Theorie and Practice, New York, van Nostrand Reinhold Company, 1969;
F. Popper

Texts

No texts for felected artist.